La critica di Gianfranco Bartalotta su i 2 quadri con cornice dorata più donna con sfondo dorato

“L’elemento centrale di queste tre opere è l’energia vitale, di lei si vede subito che ha una visione ottimistica della vita.
L’elemento dark non esiste quasi, anche se il quadro “Crea la tua verità” ha sfondo nero.
L’energia è l’energia della vita che scorre, mi ricorda molto alcune pitture giapponesi con il quadro “Aquatic air” che indica il movimento, che non è il dinamismo classico dei futuristi ma un movimento dell’energia vitale del mondo in cui è inserito anche l’uomo.

La seconda è una fase di creazione portata all’interno del mito , in cui le forme non sono ben definite, come se fossero rarefatte, come se fosse la costruzione delle cose e la costruzione dell’uomo, mentre invece eternamente c’è un mondo che può essere la luna oppure c’è il cosmo che protegge sempre l’uomo.
Quindi è un quadro questo in creazione dove appare l’uomo e se nella prima parte abbiamo visto questa vita che scorre anche attraverso l’acqua che poi è l’elemento vitale, nella seconda c’è proprio l’elemento creativo che prima è rarefatto e poi prende forma all’interno del quadro.

Nel terzo mi ricorda quasi le parole di una donna verso Fellini, diceva che lui era come una finestra aperta dove c’era davanti il sole.
Fellini amava talmente la vita che alla fine di molti suoi film faceva entrare tutto il mondo all’interno del circo, diceva questa è la vita divertiamoci tutti.
E questo quadro mi ha ricordato la sua visione ottimistica del mondo, questo sguardo verso il sole, verso la vita con i capelli pieni di colore che indicano appunto la bellezza della vita, un grande sospiro verso la positività del mondo.
Lei ha citato Susan Schutz mettendo addirittura come titolo uno dei suoi testi “Balliamo sotto il sole indossando fiori selvatici nei nostri capelli”.

Quindi un messaggio verso la positività che forse è anche il segreto della vita, bisogna essere positivi per attirare positività, senza malinconia
e nostalgia perchè ogni momento è buono per vivere, non bisogna mai guardare il passato con nostalgia, quando viviamo? Adesso, e adesso il mondo
è a colori e questa opera qui finale lancia questo messaggio.

Open chat